Il discorso di Arnold Schwarzenegger

Sta facendo parlare molto di sé.
Mi riferisco al discorso di Arnold Schwarzenegger.

E dopo una mia personale iniziale perplessità, qualche riflessione l’ho fatta.

Confesso che quando me lo hanno segnalato, ho nutrito qualche “pregiudizio anticipatorio” (complice qualche mio bias sul tema).
Che però è scomparso ascoltandolo.

Infatti se da un lato ho constatato un utilizzo di modi misurati (mi riferisco al tono della voce, al ritmo e alle pause: alla modalità espressiva), dall’altro il contenuto è tosto, “non mandandogliele a dire” al Presidente uscente (rappresentante – tra l’altro – del suo stesso partito: infatti Arnold Schwarzenegger appartiene al Partito Repubblicano).

Forte è il rimando alla nefasta “Notte dei Cristalli” e agli spettri che risveglia (Schwarzenegger è austriaco naturalizzato americano).

Intelligente è l’uso del “Democracy First” con un chiaro rimando al motto di Trump “America First”.

L’uso della spada di Conan può far sorridere (in gergo tecnico è un “prop” [un oggetto di scena utilizzato a supporto della propria argomentazione], e non è l’unico presente nel video), ma fa parte della sua storia e diventa strumento e metafora della tempra. Efficace e incoraggiante in chi lo ascolta.
Spada/tempra che è anche una metafora della (sua) vita.

Il video può piacere o non piacere.
Lui può piacere o non piacere.
A mio avviso va però ascoltato e studiato, tenendo a mente il pubblico a cui si rivolge.

Tenendo anche a mente quello che Schwarzenegger rappresenta.

Una icona della cinematografia popolare, con una storia interessante alle spalle: immigrato, è stato culturista prima (Mister Universo, se non sbaglio, la cui traccia si rivela nella foto alle sue spalle, affiancata alle due bandiere americana e dello stato della California), attore poi (anche con ironia) e infine Governatore della California.
Appartenente al Partito Repubblicano e sposato (fino al 2017) con Maria Shriver Kennedy (il cui nome appartiene alla storia americana).

Un percorso (ed una figura) che stupisce per la sua eterogeneità e che – sicuramente – ha presa sull’immaginario collettivo.
Rappresentando esso stesso una concretizzazione del Sogno Americano.

Il testo tradotto è stato pubblicato sul sito Per La Retorica a questo link: Schwarzenegger, Arnold, “Il presidente Trump è un leader fallito”

[La foto di copertina è tratta dall’articolo che il sito Cinefacts gli ha dedicato lo scorso settembre]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.