Delle belle realtà

TEDxIED

Ascolto e leggo di belle esperienze e belle realtà italiane (vedasi il TEDxIED di ieri sera), conosco persone veramente in gamba che fanno grandi cose, e mi muove un moto d’orgoglio per questo Paese a cui sono affezionata.
Poi leggo dello schifezzume dei baccanali della Polverini, della Minetti che sfila (forse) in costume, del Senato deserto…
E mi viene voglia di emigrare… Di scappare a gambe levate…

Recentemente ho avuto modo di partecipare a due eventi in pochi giorni, che mi hanno trasmesso un senso di benessere e – perché no – di felicità e di speranza.

In ordine cronologico, ho partecipato come spettatore alla prima edizione di TEDxIED, che si è svolta il 20 settembre scorso all’Istituto Europeo di Design di Milano, e come partecipante alla prima edizione di B2Blood Innovation Runnig, una corsa/marcia organizzata per la raccolta fondi per l’AVIS e che si è svolta domenica 23 settembre.

Coinvolta da due amiche (Helga Ogliari per il primo evento e Gaia Fiertler per il secondo), ho partecipato volentieri e mi sono divertita.

Ma soprattutto ho avuto modo di apprezzare quanto di buono c’è, che viene svolto quotidianamente senza grandi schiamazzi, e quanta gente c’è che opera capillarmente e silenziosamente per fare la grande differenza, cambiando pian-pianino pezzetti di mondo in un effetto domino…

Due eventi diametralmente opposti, eppure accomunati da belle menti e gente in gamba.

Infatti in TEDxIED ho avuto modo di ascoltare di contaminazioni, di competenze orizzontali, di cambiamenti epocali, di rovesciamenti di paradigmi e tanta-tanta inventiva. Ho ascoltato persone che hanno portato i loro contributi e le loro storie. E – ascoltandoli e riflettendo – è inevitabile prendere coraggio e (seppur con timore) vedere un futuro possibile, rimanendo gioiosamente contagiato da un virus benefico. E prendi coscienza (casomai avessi ancora bisogno di qualche conferma) di un futuro sicuramente fluido ma comunque che c’è-esiste (è inevitabile) dove la creatività (anche mentale) farà la differenza, sarà la discriminante che ci permetterà di andare avanti e di progredire. Sicuramente in modo diverso da quanto ad oggi conosciuto.

E guardandomi in giro all’Innovation Running, parlando con Gaia (attiva nel mondo AVIS), ho avuto modo di sentire (inspirare) l’impegno e la tenacia del mondo del volontariato. Supportato dal mondo dello sport, quello governato da sani principi, e poggiante su regole etiche (applicabili ed applicate alla quotidianità) che ti fanno capire perchè – nonostante tutto – si riesca ad andare avanti.

Sono boccate di ossigeno che ti danno ottime ragioni per proseguire nel tuo cammino, secondo i tuoi valori e con la forza della speranza.

Sono realtà di cui si dovrebbe leggere di più e comunque su cui dobbiamo maggiormente focalizzare le nostra attenzione, per comprendere che ciò che ci circonda non è soltanto pattume, ma nasconde anche realtà degne di essere ascoltate, supportate e vissute.

B2Blood

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...